Biofilm di probiotici su membrane di nanofibre elettrofilate


Biofilm di probiotici su membrane di nanofibre elettrofilate

Una innovativa coltura starter per la produzione di latti fermentati

Tiziana Mennini

Le proprietà salutistiche del latte fermentato sono sempre più argomento di interesse per la comunità scientifica. I meccanismi che collegano l’assunzione di latte fermentato alla salute intestinale sono in gran parte basati sul presupposto che questo contenga batteri probiotici vitali e in quantità sufficienti per esercitare un effetto fisiologico. Diverse organizzazioni pubbliche, compresa la International Dairy Federation (IDF), affermano che i prodotti alimentari, come gli yogurt, devono contenere almeno 107 unità formanti colonia per grammo di cibo (CFU/g), per garantire batteri biodisponibili sufficienti ad esercitare un effetto funzionale nell’organismo. Tuttavia, vitalità e sopravvivenza insufficienti di questi batteri rimangono un problema nei prodotti commerciali.

Meng-Xin Hu e colleghi della Scuola di Scienze Alimentari e Biotecnologie dell’Università Zhejiang Gongshang (Hangzhou, Cina) hanno studiato le condizioni ottimali di crescita e di sopravvivenza del Lactobacillus plantarum in biofilm formati su membrane di nanofibre elettrofilate.

 

Per leggere l’intero articolo abbonati alla rivista o acquista il singolo numero

by Cec Editore