Cosmetic Technology 3 – 2016 (pdf)

8 €

    Sensorialità    

    Luminosità    

    Freschezza

COD: CT3-2016 Categorie: ,

Articoli e Review
Sodium Riboflavin Phosphate – Nuovo componente in cosmetici antiageing
S. Laneri, R. Santangelo, A. Bernardi, C. Caruso, A. Sacchi 
La sensazione di Freschezza – Storia e significati
L. Peyron, F. C. Misitano

Aggiornamenti
Letterature Cosmetologica
Linee Guida Pareri del Scientific Committee on Consumer Safety
Segnalazioni Rapex Rapex
Approfondimenti Legislativi Cosmetici e contraffazione


LogoSPECIALE MAKE-UP
La bellezza nel tempo – Il trucco viso fino ai più moderni fondotinta
R. Villa, G. Viscardi 
Make up – Formulazioni, valutazioni e sensorialità
A. Bonfigli, C. Cartigliani, M. Prigioni, L. Rigano
Viso perfetto ma naturale: come ottenerlo? – Le nuove tecnologie incontrano il make up
E. Nunno, E. Piras 
Vision Into Action • What about y generation?

Ingredienti LCM Trading • Kalichem Italia

Dalle Aziende 
Packaging e Macchinari
Must Have
Riconoscimenti


Aziende
Intervista Variati
Cosmetic Corner Viso • Corpo
Press Release
Publiredazionale Lipotec

Notizie
Società scientifiche SICC
Istituzioni Regolamento UE
Necrologio Bruno Wolhfarth
Riconoscimenti
Appuntamenti Congressi • Fiere • Agenda

Sodium Riboflavin Phosphate

Nuovo componente in cosmetici antiageing

Sonia Laneri, Rosaria Santangelo, Antonietta Bernardi, Ciro Caruso, Antonia Sacchi

Questo lavoro si basa su di uno studio di efficacia su volontari sani con metodiche non invasive di una nuova formulazione cosmetica contenente riboflavina-5’-fosfato. La crema analizzata è risultata possedere buone proprietà antiageing e allo stesso tempo un inaspettato effetto depigmentante, che apre la strada ad ulteriori studi ed approfondimenti sull’utilizzo della riboflavina nei prodotti cosmetici.

Sodium Riboflavin Phosphate 

A new component in antiageing cosmetics

In the present paper, we described an extensive testing by non-invasive methods on a recently marketed formulation containing Sodium Riboflavin-5’-phosphate, which led to substantiate its anti-ageing properties and, at the same time, evidenced an unexpected bleaching and lighting effect on skin. These findings pave the way to further studies about the use of Sodium Riboflavin-5’-phosphate as active ingredient in cosmetic products.


La sensazione di Freschezza

Storia e significati

Louis Peyron, Fulvio C. Misitano

Il lavoro prende in considerazione gli aspetti fisiologici legati alla percezione delle sensazioni ed in particolar modo quelli legati alla sensazione di freschezza. Sono passati in rassegna gli stimoli rinfrescanti dal punto di vista storico, con particolare riguardo alle molecole presenti in natura e a quelle natural-identiche. Infine vengono prese in considerazione le evoluzioni di differenti settori merceologici che fanno ricorso a composti ad azione rinfrescante.


 

La bellezza nel tempo

Il trucco viso fino ai più moderni fondotinta

Roberta Villa, Giuseppina Viscardi

Dipingersi il viso e il corpo è una pratica esercitata fin dal tempo dei tempi, in luoghi e culture diverse e lontane tra loro. Per alcune realtà è un vero e proprio rituale di bellezza, mentre in altri luoghi sia uomini che donne dipingono il proprio viso in occasione di particolari riti religiosi o di guerra. Un’analisi sociologica dell’evento chiamato trucco, proprio derivante dal termine francese trouque, inganno, permetterà di capire alcuni significati  simbolici di prodotti e utilizzi, comunemente presenti nei nostri mercati e dei quali non sempre si conosce il significato. Sembra che già l’uomo di Neanderthal usasse dipingere il proprio viso con pigmenti appositi (come per esempio succhi derivati da bacche, terre argillose, ecc.) a scopi rituali e simbolici, a testimonianza di come già migliaia di anni fa gli uomini conoscessero l’arte della pittura corporea. Guerra, religione, società e bellezza: le motivazioni che spingono l’uomo a dipingersi il viso sono molte e variano a seconda del periodo cronologico e del luogo di origine. Prima di concentrarci sull’uso noto ai più di prodotti da trucco, è interessante esplorare le culture da noi più lontane, che hanno adottato l’uso del colore viso, con una precisa funzione sociale. Esploreremo mondi e tempi lontani che ci permetteranno di seguire e ricostruire l’evoluzione della bellezza, attraverso uno dei prodotti più misteriosi e affascinanti di sempre: il fondotinta.

Beauty over the time

The face make up till modern foundation

Painting one’s face and body is a practice, exercised since the time of the times, in so far and different places and cultures. Sometimes it’s actually a real beauty ritual, while in other places both men and women paint their face during special religious or war rites. It seems that already the Neanderthal man, used to paint his face with special pigments (such as berries juices, clay soils, etc.) with ritual and symbolic purpose, reflecting as already thousands of years ago people knew the art of body painting. War, religion, society and beauty: men painted their faces according to the chronological time and place of origin. Before focusing on the most known makeup products, it is interesting to explore the more distant cultures to us, that used facial color with a clear social function. Exploring distant worlds and times will allow us to reconstruct the evolution of beauty, through one of the most mysterious and amazing charming products of all time: the foundation.


 

Make up

Formulazioni, valutazioni e sensorialità

Adriana Bonfigli, Claudia Cartigliani, Monica Prigioni, Luigi Rigano

 Nel campo del make up , le caratteristiche di payoff, stesura, durata, adesione cutanea e potere coprente sono il risultato della combinazione degli ingredienti solidi e di quelli del veicolo. Un ruolo importante è giocato dai modificatori reologici, un  insieme di ingredienti essenziali all’ottenimento di prestazioni equilibrate. Dato il carattere complesso delle caratteristiche ottimali richieste, la valutazione di funzionalità delle nuove formulazioni richiede un complesso di misure, in cui entrano in gioco sia elementi strumentali che parametri sensoriali. L’esecuzione di queste prove richiede una notevole esperienza specifica e deve essere con dotta rispettando criteri di qualità stringenti.

Make up

Formulation, evaluation and sensoriality parameters

In the make-up formulation field, the pay-off, skin distribution and adhesion, lasting, and covering power are the result of the multi-variable combination of solid ingredients and the vehicle composition. Many important functions are carried out by the rheology modifiers. They are a pool of key ingredients, strictly necessary for obtaining the required performances. For the complex combination of the ideal characteristics, the evaluations of functionality of the new formulations require a complex of distinct measures, both in the sensorial and instrumental fields. Performing correctly these trials requires a sound specific experience and needs to be carried out under stringent quality criteria.

 

REVIEW

Viso perfetto ma naturale: come ottenerlo?

Le nuove tecnologie incontrano il make up

Elena Nunno, Emanuele Piras

L’Alta Definizione (HD) è una delle ultime tecnologie dell’industria cinematografica e fotografica; la definizione è sempre più elevata (ultraHD, 4K, etc..) e se da un lato questo è un risultato ottimale per chi osserva, altrettanto non è per chi sta davanti all’obbiettivo. Le nuove fotocamere in HD sono infatti in grado di catturare non soltanto ogni minima imperfezione della pelle, ma anche la texture dei prodotti, come ad esempio dei fondotinta, applicati sul viso. La pelle deve apparire uniforme e naturale, scongiurando qualsiasi effetto maschera. Alcune tonalità di colore, alla fine dello spettro del colore, hanno una risoluzione più dura e luminosa che appare più visibile quando i toni rossi della pelle non sono corretti. Vi sono poi altre problematiche da tenere in considerazione. I requisiti dei prodotti make up HD possono essere riassunti nel modo seguente: essi devono avere un finish matt, avere proprietà simili alla pelle con sufficiente copertura, rendere invisibili le impurità della pelle, i rossori, le linee sottili e le rughe, essere in grado di riflettere la luce per un risultato finale impeccabile, anche dinnanzi alle difficili condizioni delle apparecchiature HD. I pigmenti Soft Focus, Radiance e Balance Colors e i Filler Funzionali rappresentano gli strumenti adatti a soddisfare tutti questi nuovi requisiti.