Cosmetic Technology 4 – 2016 (pdf)

8 €

  Veleno d’api  

    Polipeptidi della seta  

    Chelanti

COD: CT4-2016 Categorie: ,

Articoli e Review

La preservazione dall’inquinamento microbico dei prodotti cosmetici, con particolare riferimento ai cosmetici “naturali” – L’approccio della valutazione dell’attività dell’acqua – C. Sella, A. Casiraghi 

Polipeptidi della seta “vegani” e non occlusivi – Protezione cutanea contro influenze ambientali negative – S. Schlay, U. Slotta 

Veleno d’api – Utilizzo in prodotti antirughe – E. Albisetti, A. Antonini, V. Mazzarello 

Il futuro dell’anti-ageing nello skin care – Prospettive dello skincare anti-ageing – N. Lewis

Aggiornamenti

Letterature Cosmetologica

Segnalazioni Rapex Rapex

Beauty from within Supplementazione nel fotoaging

Approfondimenti Legislativi Cosmetici e e-commerce

Vision Into Action L’avanguardia antiaging

Aziende

Ingredienti Lipotec • Gale & Cosm • Chemyunion e Active Box • Kalichem Italia

Intervista PDT Cosmetici • IDE – Istituto Dermatologico Europeo

Press Release

Cosmetic Corner Viso • Corpo • Trattamenti cosmetici

Notizie

Associazioni Cosmetica Italia

Società Scientifiche SICC

Pubblicità sotto la lente

Istituzioni Regolamento UE

Appuntamenti Congressi • Fiere • Agenda

La preservazione dall’inquinamento microbico dei prodotti cosmetici, con particolare riferimento ai cosmetici “naturali”
L’approccio della valutazione dell’attività dell’acqua
Caterina Sella, Antonella Casiraghi
Il crescente interesse per i cosmetici allestiti interamente con ingredienti di origine naturale impone la necessità di studiare innovative formulazioni cosmetiche. Data l’impossibilità di utilizzare molti dei conservanti riportati nell’Allegato V del Regolamento 1223/2009, una delle maggiori criticità dei cosmetici “naturali” rimane la preservazione dall’inquinamento microbiologico, che potrebbe compromettere i requisiti di qualità, sicurezza ed efficacia del prodotto. Attraverso il controllo dell’attività dell’acqua, ossia dell’acqua disponibile per la crescita microbica nella formulazione, il cosmetologo può valutare a quale tipo di contaminazione microbiologica il cosmetico è più predisposto e quindi determinare la qualità e la quantità di conservante più idoneo da utilizzare, sviluppando formulazioni che abbiano un valore di attività dell’acqua basso, così da ridurre il rischio di crescita di microrganismi.

Cosmetic preservation from microbiological contamination; the development of preservative-free cosmetics
Water activity approach
The increased interest in cosmetic products made up with natural substances leads to study innovative cosmetic formulations. As it is not possible to use many of the preservatives listed in Annex V of Regulation 1223/2009, one of the most critical point of “natural” cosmetics is their preservation from the microbiological spoilage, which could shatter the quality, safety and efficacy of the product. Through the control of water activity, which is the water available in the formulation for microbial growth, the type of microbiological contamination more likely to affect the product can be evaluated. Thus, the quality and the quantity of the most suitable preservative can be determined to develop formulations that have a low value of water activity, reducing the risk of microbiological spoilage.


Polipeptidi della seta “vegani” e non occlusivi*
Protezione cutanea contro influenze ambientali negative
Sabine Schlay, Ute Slotta
La protezione cutanea è una preoccupazione crescente che interessa ormai tutte le società nel mondo. Se una pelle gravemente danneggiata necessita infatti di prodotti specifici in grado di ripristinarne la compromessa funzione di barriera, anche una pelle sana trae beneficio dalla protezione contro stress ambientali come inquinamento e le numerose possibilità di contatto con agenti irritanti ai quali tutti gli esseri umani sono esposti nel corso della vita quotidiana. AMSilk** presenta un innovativo ingrediente attivo che forma un film protettivo e traspirante sulla pelle. È particolarmente adatto per prodotti studiati per pelle sensibile, incline all’irritazione e per cute stressata. Silkgel è un innovativo idrogel contenente polipeptidi funzionali della seta, prodotti per via biotecnologica. I dati in vitro ed in vivo mostrano che il film pressoché invisibile che si forma all’applicazione, rappresenta una efficace barriera contro piccole molecole, micro-organismi ed agenti irritanti potenzialmente dannosi, che supporta e promuove la naturale funzione barriera della pelle. Da ciò consegue che anche l’aspetto della cute risulta migliorato (superficie più liscia, luminosa e morbida). I polipeptidi funzionali della seta mostrano una performance migliore rispetto ad ingredienti standard, quali ceramidi o altri agenti filmogeni a supporto della funzione barriera. Questi polipeptidi funzionali della seta non sono di derivazione animale e lungo l’intero processo produttivo non sono utilizzati derivati animali, rendendo l’ingrediente cosmetico naturale e vegano.

Efficient Skin Protection Against Negative Environmental Influences by Breathable, Vegan Silk Polypeptides
Skin protection is a growing concern for societies worldwide. Not only severely damaged and compromised skin requires special care products restoring impaired barrier functionality, but also healthy skin benefits from protection against environmental stress such as increasing pollution and manifold contact of individuals to irritants in everyday life. AMSilk presents an innovative active ingredient, forming a breathable protective film on skin. It is especially suited for products targeting sensitive, irritation-prone, stressed or diseased skin. Silkgel is an innovative hydrogel comprising biotechnologically produced functional silk polypeptides. 
In vitro as well as in vivo data show that an almost invisible film formed by the application of Silkgel represents an efficient barrier against potentially harmful small molecules, microorganisms and irritants, thereby supporting and enhancing the natural barrier function of skin. 
In parallel, skin appearance is improved (i. e. soft shine and smoothened surface). The functional silk polypeptides outperform standard ingredients such as ceramides or other skin barrier supporting film formers. 
The functional silk polypeptides are not animal derived and no animal derived products are used throughout the production process, rendering Silkgel a natural, vegan cosmetic ingredient.


Veleno d’api
Utilizzo in prodotti antirughe
Elisabetta Albisetti, Antonella Antonini, Vittorio Mazzarello
Il veleno d’api (o Apitossina) è un prezioso dono della natura prodotto dall’Apis mellifera, utilizzato dalle prime civiltà antiche che ne hanno riconosciuto le virtù di guarigione di malanni legati soprattutto alla presenza di artrite. Sin dal 500 a.C. le dolorose punture delle api si trasformavano quindi in un medicamento, direttamente iniettato attraverso la pelle, dal forte potere antinfiammatorio e lenitivo del dolore localizzato. In Cina, India, Egitto, Babilonia e Grecia veniva quindi applicata la prima rudimentale “apiterapia”. Personaggi famosi, come Ippocrate, Aristotele, Plinio il Vecchio, Carlo Magno e Ivan il Terribile, si affidarono a questo espediente per trovare sollievo, ad esempio, a reumatismi e gotta. In questo lavoro è stata valutata in vivo vs placebo l’efficacia antirughe di un siero contente il veleno d’api come attivo fondamentale.

Bee venom
Use in anti-aging products
The bees’ venom (or apitoxin) is a precious gift of nature produced by ‘Apis mellifera used by the first ancient civilizations that have recognized the virtues of healing ailments especially related to the presence of arthritis. Since 500 BC the painful stings of bees is then transformed into a drug, injected directly through the skin, with a strong anti-inflammatory and soothing power of localized pain. In China, India, Egypt, Babylon and Greece was then applied to the first rudimentary “apitherapy”. Famous people such as Hippocrates, Arisototele, Pliny the Elder, Charlemagne and Ivan the Terrible, have relied on this trick to find relief, for example, in rheumatism and gout. In this work it was evaluated in vivo the anti-wrinkle efficacy vs. placebo in a serum containing bee venom as a key active.