L’Integratore Nutrizionale 4 – 2017 (pdf)

12 

Sport Nutrition

COD: IN4-2017 Categorie: ,

Editoriale
Insetti e Alghe –  T. Mennini

Articoli
– Flavonoidi della liquirizia
Effetto sulla muscolatura scheletrica in giocatori di football
S. Kakimoto, K. Nakagawa, F. Zerilli

– Complesso innovativo di acido alfa lipoico e cisteina, un alleato per lo sportivo
Studi clinici a supporto dell’attività antiossidante e metabolica
F. Zanzottera

– Allenamento di resistenza in adulti sani
Integrazione strategica con creatina
D. Patroncini, A. Pellegrini

Rubriche
Letteratura scientifica
Integrazione alimentare per lo sportivo – D. Barone
Sarcopenia – G. Gavarini
Sentenze e approfondimenti normativi
Sede dello stabilimento, allergeni, altre sostanze ammesse – E. Santin
Botanicals negli integratori alimentari – A. Antonelli
Piante e derivati botanici – C. Palumbo
Ingredienti e Prodotti
Futurase BF® (Alfasigma) • Pycnogenol® (Horphag Research)
Hydra4G® (LCM Trading-Isaltis) • Peptidi del collagene® (Rousselot-Solchem Nature)
Xinepa® (KolinPharma) • VitaMK7® (Gnosis)
Prodotti in vetrina – M. Zorzetto
Mercato – FederSalus
Pubbliredazionale – Amitahc • Capsugel • Phardis
Intervista a Serena Martegani – Enervit Nutrition Center
Press Release
Associazioni – FederSalus • AIIPA • EHPM, IPA e EDA
Società Scientifiche – SISTE
Pubblicità al vaglio
Università e Formazione
Appuntamenti – Convegni, Agenda

Flavonoidi della liquirizia
Effetto sulla muscolatura scheletrica in giocatori di football
Sachie Kakimoto, Kaku Nakagawa, Francesco Zerilli
L’olio di flavonoidi di liquirizia (Liquorice Flavonoid Oil, LFO)*, che consiste in polifenoli lipofili della liquirizia disciolti in trigliceridi a media catena, è un nuovo ingrediente funzionale, efficace nella prevenzione della sindrome metabolica. Poiché è stato recentemente mostrato come LFO aumenti significativamente la massa muscolare scheletrica in topi, è stato ipotizzato che potesse avere lo stesso effetto anche nell’uomo. È stato quindi condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo in giocatori di football che hanno consumato 300 mg/die di soluzione concentrata di LFO per 8 settimane, durante un programma di allenamento presso la Kindai University, Osaka. L’analisi per imaging agli ultrasuoni ha rivelato che lo spessore della porzione anteriore della coscia e delle regioni brachiali anteriori dei soggetti del gruppo dello studio che aveva assunto LFO, ma non nel gruppo placebo, sono incrementate significativamente del 2,5% rispetto ai valori di base. Inoltre, per quanto lo spessore del muscolo addominale fosse aumentato significativamente sia nel gruppo trattato che nel placebo, l’aumento nel gruppo LFO è stato 1,8 volte maggiore rispetto al placebo (p<0,05).
È interessante osservare che, stratificando l’analisi su due ruoli specifici dei giocatori, dopo somministrazione di LFO, il gruppo degli arretrati offensivi, che necessitano di velocità, ha sviluppato più muscolatura nella coscia, mentre il gruppo della linea difensiva, che richiede maggiore forza nella spinta, ha sviluppato maggiormente la muscolatura brachiale anteriore. Questi risultati correlano bene con il training posizione-specifico dei due gruppi. Questo studio indica che LFO, utilizzato come ingrediente nutraceutico, può contribuire all’incremento o al mantenimento della massa muscolare scheletrica nell’uomo, in associazione con l’esercizio fisico. Queste sono le prime evidenze che mostrano che polifenoli dalla liquirizia aumentano la massa muscolare nell’uomo.

Liquorice flavonoid oil increases skeletal muscle thickness
Study in training football athletes
Liquorice flavonoid oil (LFO) consisting of liquorice hydrophobic polyphenols in medium-chain triglycerides (MCT) is a new functional food ingredient effective for preventing metabolic syndrome. As it has been recently shown that LFO significantly increased skeletal muscle mass in mice, we hypothesized that it would also increase skeletal  muscle mass in humans. Therefore, we carried out a randomized, double-blind, placebo-controlled study with male football athletes who ingested 300 mg per day of LFO concentrate solution for 8 weeks  during the course of training at Kindai University, Osaka. Ultrasound imaging analysis revealed that the muscle thickness of the anterior thighs and anterior brachial regions in the LFO group were both significantly increased by 2,5% at week 8 in comparison to baseline, but not in the placebo group. In addition, although abdominal muscle thickness significantly increased in both the LFO and the placebo groups at week 8 in comparison to baseline, the increase in the LFO group was 1,8 times greater than that in the placebo group (p<0,05). Interestingly, stratified analysis by two team positions revealed that the offensive backs group, who require speed, gained more anterior thigh muscle,  while the defensive line group, who require pushing force, gained more anterior branchial muscle with repeated intake of LFO. These results correlate well with the position-specific training of the two groups. This study indicates that LFO can contribute as a dietary supplement ingredient to increase or maintain skeletal muscle mass in humans in combination with exercise. This is the first report showing that LFO, which consists of liquorice polyphenols, increases muscle mass in humans.


Complesso innovativo di acido alfa lipoico e cisteina, un alleato per lo sportivo
Studi clinici a supporto dell’attività antiossidante e metabolica
Federica Zanzottera
Gli atleti, siano essi professionisti o amatoriali, inducono i muscoli a lavorare intensamente e necessitano di un maggior fabbisogno energetico rispetto ai soggetti sedentari. I mitocondri, produttori di ATP, sono iperattivi durante l’esercizio fisico e sopperiscono in gran parte alle richieste energetiche del tessuto muscolare ossidando diversi substrati. Tuttavia, (attraverso questo processo, glicolisi aerobica) questo ingente consumo di energia porta alla produzione di notevoli quantità di specie reattive dell’ossigeno (ROS). Questa condizione può indurre all’utilizzo preferenziale della glicolisi anaerobica, ad un aumentato catabolismo proteico, maggior affaticamento e suscettibilità a incidenti e infezioni. Già dagli anni ’90 l’attività sinergica di acido α-lipoico (ALA) e cisteina (CYS) aveva suscitato particolare interesse, dimostrando la sua efficacia e sicurezza in numerosi studi sia in vitro che in vivo. Le due molecole infatti agiscono sinergicamente, riportando la cellula verso lo stato ridotto ottimale, consentendo ai mitocondri di adeguare la disponibilità energetica alle aumentate richieste ed innalzando la soglia anaerobica. Quest’attività si traduce nella diminuzione del catabolismo proteico, aumento della lipolisi e riduzione della produzione di acido lattico.
In questi studi si è verificato come la sinergia di CYS e ALA, formulata nell’ingrediente α-Lacys Reset®* in modo da essere stabile e facilmente digeribile, porti ad una migliorata attività antiossidante con conseguente maggiore utilizzo della via aerobica, in atleti sottoposti ad allenamento sistematico.
Gli studi in vitro hanno dimostrato che tale complesso risulta avere un’ottima attività antiossidante e che è inoltre in grado di incrementare il potenziale di membrana mitocondriale e contemporaneamente indurre un aumento della lipolisi e della funzione anabolica.
I risultati ottenuti in vitro sono stati riconfermati in vivo, realizzando due studi in differenti tipologie di atleti, giocatori di calcio e bodybuilder.
Dall’analisi del potere antiossidante del siero dei calciatori durante la stagione sportiva e dall’analisi della performance, emerge l’efficacia del complesso nutrizionale nel ridurre i radicali liberi e quindi lo stress ossidativo, sia prima che dopo l’attività sportiva intensa, durante tutta la stagione, riportando l’organismo nelle condizioni ridotte prima dell’inizio del campionato, migliorando le performance atletiche e favorendo l’azione di recupero.
Lo studio della composizione corporea, in termini di peso e massa grassa di 75 bodybuilder mostra come l’integrazione con la sinergia nutrizionale porti a una riduzione della massa grassa e del peso totale, confermando una più marcata attività anabolica muscolare.
I risultati ottenuti confermano ancora una volta il link tra aumento dell’attività antiossidante della cellula e miglioramento quali-quantitativo del metabolismo energetico, favorendo quello aerobio e mantenendo costante l’attività lipolitica della cellula.
La sinergia nutrizionale qui analizzata si dimostra un ottimo alleato per l’integrazione sportiva sia pre- che post-work out.

Innovative alpha lipoic and cysteine complex, an ally for athletes
Clinical studies supporting antioxidant and metabolic acivity
Athletes, professional or amateur, induce muscles to work harder and need more energy. Mitochondria, ATP manufacturers, are more active during exercise and largely support the energetic demands of muscle tissue by oxidizing different substrates. However, the massive energy consumption leads to the production of large quantities of reactive oxygen species (ROS). This condition leads to the preferential use of anaerobic energy production pathway, induces protein catabolism, fatigue and susceptibility to injuries and infections.
The synergistic activity of α-lipoic acid (ALA) and cysteine (CYS) has been studied since the 90s, demonstrating its efficacy and safety in numerous studies both in vitro and in vivo.
The two molecules act synergistically, taking the cells back to the reduced state, allowing mitochondria to work at a higher energy level and thus raise the anaerobic threshold. This activity results in decreased protein catabolism, increased lipolysis, and reduced lactic acid production.
In this study we wanted to demonstrate how the synergy of CYS and ALA, formulated in the α-LACYS RESET® ingredient to be stable and easy to digest, leads to improved scavenger activity, resulting in greater use of aerobic energy pathway in athletes undergoing systematic training.
In vitro studies show that this complex has excellent antioxidant activity; moreover, it is capable of increasing mitochondrial membrane potential and at the same time rising lipolysis and anabolic function.
The results obtained in vitro were reconfirmed in vivo, performing two studies in different types of athletes, soccer players and bodybuilders.
Analyzing the serum antioxidant power and game performance of players during the soccer season, it is unequivocally demonstrated the effectiveness of the nutritional complex in reducing free radicals and hence oxidative stress, both before and after intense sports activity, taking the metabolism back to a reduced state, improving athletic performance and promoting recovery action.
The study of body composition and fat mass of 75 bodybuilders shows instead how integration with nutrition synergy leads to a reduction of fat mass and total weight, confirming a more pronounced muscular anabolic activity.
The results confirm once again the link between increased antioxidant activity of the cells and improved energy metabolism, favoring aerobic metabolism and thus maintain the lipolytic activity of the cells.The nutritional synergy analyzed here shows to be an excellent ally for sports integration before and post work out.


 

Allenamento di resistenza in adulti sani
Integrazione strategica con creatina
Davide Patroncini, Annalisa Pellegrini
La supplementazione di creatina in prossimità di un allenamento fisico di resistenza può essere una strategia importante per aumentare massa e forza muscolare; tuttavia, non è noto se, in una popolazione di adulti over 50, la supplementazione di creatina sia più efficace prima o dopo l’allenamento fisico di resistenza. Utilizzando uno studio in doppio cieco con misure ripetute, adulti anziani sono stati randomizzati in 3 gruppi: creatina prima (CR-B: n=15; creatina* (0,1 g/kg) immediatamente prima dell’allenamento di resistenza e placebo (0,1 g/kg di amido di mais maltodestrina) subito dopo l’allenamento di resistenza), creatina dopo (CR-A: n=12; placebo subito prima dell’allenamento di resistenza e creatina subito dopo la formazione di resistenza), o placebo (PLA: n=12; placebo subito prima e subito dopo l’allenamento di resistenza) per 32 settimane. Prima e dopo lo studio, sono state valutate la composizione corporea (tessuto magro, massa grassa, assorbimetria a raggi X a doppia energia) e la forza muscolare (1 ripetizione massimale a leg press e chest press). È stato riscontrato col tempo un aumento della massa magra tissutale, della forza muscolare ed una diminuzione della massa grassa (p <0,05). CR-A ha determinato maggiori miglioramenti nella massa magra (Δ3,0 ± 1,9 kg) rispetto al PLA (Δ0,5 ± 2,1 kg; p <0,025). L’integrazione di creatina, indipendentemente dalla tempistica di ingestione, ha aumentato la resistenza muscolare più che nel placebo (leg press: CR-B, Δ36,6 ± 26,6 kg, CR-A, Δ40,8 ± 38,4 kg, PLA, Δ5,6 ± 35,1 kg; chest press: CR-B, Δ15,2 ± 13,0 kg; CR-A, Δ15,7 ± 12,5 kg; PLA, Δ1,9 ± 14,7 kg; p <0,025). Rispetto all’allenamento fisico di resistenza da solo, la supplementazione con creatina migliora la forza muscolare, con maggiori guadagni in massa magra risultante dalla supplementazione con creatina dopo l’allenamento.

Resistance training in healthy older adults
Strategic creatine supplementation
Creatine supplementation in close proximity to resistance training may be an important strategy for increasing muscle mass and strength; however, it is unknown whether creatine supplementation before or after resistance training is more effective for aging adults. Using a double-blind, repeated measures design, older adults (50–71 years) were randomized to 1 of 3 groups: creatine before (CR-B: n = 15; creatine (0.1 g/kg) immediately before resistance training and placebo (0.1 g/kg cornstarch maltodextrin) immediately after resistance training), creatine after (CR-A: n = 12; placebo immediately before resistance training and creatine immediately after resistance training), or placebo (PLA: n = 12; placebo immediately before and immediately after resistance training) for 32 weeks. Prior to and following the study, body composition (lean tissue, fat mass; dual-energy X-ray absorptiometry) and muscle strength (1-repetition maximum leg press and chest press) were assessed. There was an increase over time for lean tissue mass and muscle strength and a decrease in fat mass (p <0,05). CR-A resulted in greater improvements in lean tissue mass (Δ3,0 ± 1,9 kg) compared with PLA (Δ0,5 ± 2,1 kg; p <0,025). Creatine supplementation, independent of the timing of ingestion, increased muscle strength more than placebo (leg press: CR-B, Δ36,6 ± 26,6 kg; CR-A, Δ40,8 ± 38,4 kg; PLA, Δ5,6 ± 35,1 kg; chest press: CR-B, Δ15,2 ± 13,0 kg; CR-A, Δ15,7 ± 12,5 kg; PLA,Δ1,9 ± 14,7 kg; p <0,025). Compared with resistance training alone, creatine supplementation improves muscle strength, with greater gains in lean tissue mass resulting from post-exercise creatine supplementation.