Nuovo prodotto probiotico nel trattamento delle patologie infiammatorie gastro-intestinali


Nuovo prodotto probiotico nel trattamento delle patologie infiammatorie gastro-intestinali

Evidenze in un modello animale con ipersensibilità del colon

Patrizia Malfa

L’obiettivo dello studio è stato quello di valutare gli effetti della somministrazione orale di un nuovo integratore alimentare*, contenente 50 miliardi UFC/dose dei ceppi probiotici L. plantarum P17630, L. paracasei I1688 e L. salivarius I1794, in un modello animale con ipersensibilità del colon indotta da acido 2,4,6-trinitrobenzensolfonico (TNBS). 

Il prodotto è stato somministrato una volta al giorno per otto giorni consecutivi (D-7-D0). L’ipersensibilità viscerale è stata indotta nei ratti, 7 giorni prima della valutazione della distensione del colon, mediante iniezione di TNBS nella parte prossimale del colon (D-7). La verifica dell’efficacia dell’integratore è stata dimostrata mediante la valutazione della diminuzione della soglia del dolore in risposta alla distensione del colon distale (D0). La prova è stata condotta in confronto ad un altro prodotto probiotico, molto utilizzato nei protocolli del trattamento delle patologie infiammatorie croniche intestinali. 

Lo studio indica che il trattamento di 8 giorni consecutivi con il nuovo integratore probiotico riduce, in modo significativo, il dolore viscerale con un effetto di anti-ipersensibilità negli animali trattati con TNBS.

Questi risultati sono molto incoraggianti per ipotizzare l’uso del nuovo integratore nel trattamento dei pazienti con sindrome del colon irritabile (IBS). Ulteriore studi sono necessari per comprendere meglio il ruolo e i meccanismi dei batteri probiotici sulla patogenesi di IBS e stabilire l’eventuale coinvolgimento di citochine pro-infiammatorie. […]

 

Per leggere l’intero articolo abbonati alla rivista o acquista il singolo numero

by Cec Editore